January 22, 2018 Administrator 0Comment

La giuria del Premio Castello di Villalta Giovani, composta da Roberto Cescon, Azzurra D’Agostino, Tommaso Di Dio, Massimo Gezzi, Franca Mancinelli e Gian Mario Villalta (presidente), annuncia la terna dei finalisti dell’edizione 2018, che vede coinvolte nel premio anche alcune scuole superiori di varie regioni d’Italia.

I libri selezionati sono, come da bando, opere di autori sotto i quarant’anni pubblicate tra il 1° aprile e il 31 dicembre 2017. Si tratta di: “Anatomie della luce” di Mariasole Ariot (Nino Aragno Editore), “Progetto per S.” di Simone Burratti (Nuova Editrice Magenta) e di “Ambienti saturi” di Fabio Donalisio (Amos Edizioni).

“Anatomia della luce” di Mariasole Ariot (Vicenza, 1981) è un libro lunare, vuoi per la scelta di una divisione in 28 giorni, vuoi per l’ombra che proiettano le immagini scelte a complemento delle parole, che fanno di questo testo una sorta di ‘diario straniato’. Dalla presentazione di Maria Grazia Calandrone: “Mariasole Ariot scrive qualcosa che riguarda tutti i poeti, spicciola folla venuta dall’esilio dove ha formato una lingua, nuovissima e sorgiva: le parole si accumulano qui come singhiozzi e carezze, lacrime di un pianto non più muto, si seguono così senza respiro che neanche vanno a capo (ma di poesia si tratta, un serratissimo ritmo musicale lo documenta)”.

“Progetto per S.” è il primo libro di Simone Burratti (Narni, 1990). Colpisce per una progettualità sapiente e un’alta consapevolezza del dettato. Come scrive Stefano Dal Bianco nella prefazione: “A dispetto di una quasi esibita pluralità di posture autoriali, Progetto per S. è un libro compatto, senza sbavature di stile se non quelle macroscopiche cui si sottopone sua sponte un protagonista onnipresente e solidissimo, i cui pensieri, le cui macchinazioni fanno da sfondo costante alla rappresentazione, anche nei testi dove l’io è del tutto estromesso, come in esilio volontario.”

“Ambienti saturi” di Fabio Donalisio (Cuneo, 1977) si presenta al lettore come una misteriosa mappa in cui ciò che si finge domestico (le sezioni sono stanze della casa) non risulta mai addomesticato, aprendo – attraverso una lingua ritmica e non arresa all’ironia che pure raccoglie – a uno sguardo collettivo. Come scrive l’autore nella nota finale, infatti, il privato è politico, il politico è poliziesco – mettete dei fiori sui vostri balconi.

La cerimonia di premiazione, in cui verrà decretato il vincitore, si terrà il prossimo 20 maggio al Castello di Villalta, quando verranno conferiti anche il Premio Giuria degli Studenti e il premio alla migliore recensione dei libri finalisti a firma degli studenti stessi.

Le scuole che ancora volessero aderire all’iniziativa possono ancora farlo inviando una mail a premio@castellodivillaltapoesia.com, indicando il docente referente, la classe e l’istituto secondario di secondo grado coinvolti.

Si ricordano di seguito tutte le iniziative del Premio rivolte alle scuole.

  1. Laboratori di poesia

L’insegnante che volesse realizzare nella sua scuola un laboratorio di poesia secondo le modalità didattiche che più ritiene opportune (es. durante l’attività curricolare, nell’ambito di un progetto pomeridiano o dell’Alternanza Scuola Lavoro) deve comunicare l’adesione al progetto inviando una mail a premio@castellodivillaltapoesia.com entro il 10 dicembre 2017, indicando il docente di riferimento, la scuola e le classi/i gruppi di studenti coinvolti. Entro il 15 gennaio 2018 riceverà i file pdf dei tre libri finalisti del Premio Castello di Villalta Giovani.

Il laboratorio può coinvolgere una o più classi o gruppi di studenti.

A richiesta sarà inoltre inviata in pdf un’antologia dei poeti che hanno vinto il Premio Castello di Villalta (Franco Buffoni, Maurizio Cucchi, Stefano Dal Bianco, Milo De Angelis, Giampiero Neri). Anche su di essa potrà essere realizzato il laboratorio.

Le recensioni e i commenti all’antologia o alle poesie dei singoli autori  dell’antologia (da inviare a premio@castellodivillaltapoesia.com) saranno pubblicati su castellodivillaltapoesia.com.

  1. Premio Giuria degli Studenti

Anche i ragazzi diventeranno giurati: ogni classe/gruppo potrà infatti votare il libro che più è piaciuto tra i tre finalisti inviando una mail a premio@castellodivillaltapoesia.com. Il libro che otterrà il maggior numero di voti riceverà il Premio giuria degli studenti durante la cerimonia di premiazione che si svolgerà domenica 20 maggio 2018 al Castello di Villalta.

  1. Le tre migliori recensioni dei libri finalisti riceveranno un premio in libri

Ogni classe/gruppo potrà scrivere la recensione (individuale o di gruppo, della lunghezza di max 3000 battute) di uno o due libri finalisti e inviarla a premio@castellodivillaltapoesia.com entro e non oltre il 30 aprile 2018. 

Le recensioni saranno pubblicate sul sito castellodivillaltapoesia.com e verranno valutate dai giurati del Premio Castello di Villalta Giovani.

Le tre recensioni migliori riceveranno un premio in libri, che verranno ritirati durante la cerimonia o saranno spediti alla scuola del ragazzo o della classe/gruppo che l’ha scritta.

  1. I ragazzi potranno partecipare alla cerimonia

I ragazzi e i docenti che hanno realizzato i laboratori possono partecipare alla cerimonia di premiazione domenica 20 maggio 2018 presso il Castello di Villalta, prenotandosi a premio@castellodivillaltapoesia.com.

  1. Incontro a Pordenonelegge

Nell’edizione di pordenonelegge.it di settembre 2018 in un evento della mattina sarà raccontata l’esperienza del Premio Castello di Villalta Giovani alla presenza dei poeti finalisti e con il contributo dei gruppi che hanno partecipato all’iniziativa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *